CONVENZIONI DELLE SEGRETERIE PROVINCIALI

Il Dipartimento Segretari comunali di Fedir - sezione di FEDIRETS, prende spunto da alcuni interessanti articoli del Dott. Luciano Catania pubblicati su LeggiOggi.it e su Lentepubblica.it a proposito di convenzioni tra segreterie provinciali, per invitare tutti i colleghi ad un’attenta riflessione .
Il tema è di attuale interesse giacché si assiste tuttora a convenzioni per l’ufficio di segreteria che coinvolgono le province o tra di loro o anche con il comune capoluogo.
Le Province, a seguito del fallito processo di abolizione, devono però ricostruire il loro assetto organizzativo per garantire la piena funzionalità .
Il segretario provinciale, proprio in un contesto di estrema difficoltà amministrativa, deve poter svolgere completamente la propria attività professionale al servizio dell’Ente supportando l’apparato politico e organizzativo e fungendo da perno per il rilancio e il funzionamento delle strutture.
Questo dipartimento di FEDIR -FEDIRETS non può che guardare con massima preoccupazione tali convenzioni perché, se da un lato sviliscono il ruolo dei segretari in contesti in cui invece dovrebbero mettere in atto tutta la loro professionalità, dall’altro sono l’indice della grave crisi in cui si sta lasciando sprofondare il sistema delle Autonomie locali e le province in particolare..
La lettura degli articoli riportati in calce apre ora nuovi dibattiti sulla gravità del momento e sull’importanza del ruolo che può svolgere il segretario comunale per affrontare le sfide che attendono oggi gli enti locali e le province in particolare

https://www.leggioggi.it/2018/09/09/province-riorganizzazione-personale/amp/

https://www.lentepubblica.it/contabilita-bilancio-tasse-tributi/contraddizioni-convenzioni-segreterie-provinciali/

 

QUI IL COMUNICATO

Da ItaliaOggi del 29 giugno

Le proposte ad Anac sul Regolamento per il riesame della revoca del RPCT

Queste le proposte presentate dal segretario nazionale del Dipartimento Segretari comunali e provinciali di FEDIR all'Anac in esito alla consultazione avviata sul “Regolamento sull'esercizio del potere dell'Autorita di richiedere il riesame dei provvedimenti di revoca o di misure discriminatorie adottati nei confronti del RPCT per le attività svolte in materia di prevenzione della corruzione” :

Con riferimento all'art. 7 , al fine di rendere esaustiva e  completa l'istruttoria, si suggerisce di riconoscere formalmente al RPCT revocato il diritto di chiedere di essere audito e di farsi assistere da legale o rappresentante sindacale nel corso della predetta audizione.

Con riferimento all'art.8 , allo scopo di non vanificare l’attività di vigilanza di Anac, si suggerisce:

  1. di prevedere espressamente la trasmissione degli atti alla procura, per i possibili profili di abuso d'ufficio, in caso di archiviazione della richiesta di riesame da parte della Amministrazione. 
  2. di imporre alla Amministrazione che ritenga di non adeguarsi alla richiesta di riesame , di pubblicare nella sezione Amministrazione Trasparente il provvedimento di Anac e l'atto con cui l'Amministrazione ne abbia disposto l’archiviazione.
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta